Spazio Italia - Radio Timisoara

Spazio Italia - Radio Timisoara

24/06/2010

Roberto Saviano

Tags: , , , ,

Roberto Saviano (il Fatto quotidiano 24-6-2010)

Roberto Saviano (il Fatto quotidiano 24-6-2010)

Ho letto con scarso interesse le nefandezze apparse sia in rete che altrove circa Roberto. Posso solamente dire che in un mondo dove tutto è il contrario di tutto, dove non si trovano altri argomenti per rispondere alle accuse, se non urlare nuove accuse, non importa se assolutamente infondate, non possiamo più assolutamente nè indignarci nè stupirci. Oramai è lecito pensare che se c’è qualcuno che chiede conto e ragione di un nostro operato, io sono leggittimato ad accusare il mio interlocutore. Se trattasi di giudice, di essere comunista e politicizzato, se è un politico un fazioso alla ricerca solamente di un consenso che, tra le altre cose, non può avere perchè io me lo posso creare a mia misura quando voglio e così via. In questo nostro Paese, dove sulla testa dei nostri governanti cade la mannaia del sospetto, sembra fondato, che abbiano concordato con la criminalità organizzata lazzi ed intrallazzi, oltre che aver fondato fortune sui loro quattrini lordi sicuramente di sangue inoocente, anhe se non è la rivoluzione che si cerca, quali armi democratiche ci possono venire in aiuto per liberarci del fango che ci sta sommergendo e nemmeno tanto lentamente? Se la maggior parte della popolazione guarda al telegiornale come i greci guardavano all’orcolo, che possibilità abbiamo di salvarci?

Roberto, per quello che può contare aggiungi alla tua lista il mio nome per favore, si, alla tua lista di persone che ti sono vicino, che hanno comprato i tuoi libri, che ti ascoltano seguendoti su Current, senza essere minimamente sfiorati dal fatto che questo per te significhi un guadagno. Ma chi se ne frega se guadagni? Bene, bravo. Che siano un parziale compenso per la vita di cacca che stai facendo.

Per i tuoi delatori, almeno da parte mia, una solo veloce considerazione. Prendente in esame il fatto che a differenza di quello che va dichiarando il Presidente del Consiglio, è molto meglio che di mafia, di camorra, di ‘ndrangheta, di criminalità organizzata se ne parli e se ne parli tanto. La gente deve sapere cosa li circonda. La gente deve sapere chi abita alla porta accanto. La gente deve avere la possibilità, conoscendo la realtà delle cose ed i legami tra le persone, di scegliere chi deve governare il nostro Paese.

Gianluca Testa

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL